Ho il cancro. Il blog di una malata coccolata, viziata, amata, fortunata

“Il tempo che vorrei” di Fabio Volo ed. Mondadori

5 commenti

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

“I’ll trade all my tomorrows for a single yesterday: cambierei tutti i miei domani per un solo ieri, come canta Janis Joplin.” E’ forse proprio questo il tempo che vorrei.

Lorenzo non sa amare, o semplicemente non sa dimostrarlo. Per questo motivo si trova di fronte a due amori difficili da riconquistare, da ricostruire: con un padre che forse non c’è mai stato e con una lei che se n’è andata.

Forse diventare grandi significa imparare ad amare e a perdonare, fare un lungo viaggio alla ricerca del tempo che abbiamo perso e che non abbiamo più. E’ il percorso che compie Lorenzo, un viaggio alla ricerca di se stesso e dei suoi sentimenti , quelli più autentici, quelli più profondi.

Il nuovo libro di Fabio Volo è anche il più sentito, il più vero, e la forza di questa sincerità viene fuori in ogni pagina. Ci si ritrova spesso a ridere in momenti di travolgente ironia. Ma soprattutto ci si ritrova emozionati, magari commossi, e stupiti di quanto la vita di Lorenzo assomigli a quella di ciascuno di noi.”

 

Checché se ne dica di Fabio Volo, a me piace e neanche poco. Mi piace ciò che scrive e come lo fa. Mi piacciono le sue storie, semplici, ma verosimili e, per quel che mi riguarda, condivisibili.

Ho letto tutti i suoi libri e ogni volta è sempre meglio. La sua scrittura migliora, cresce, si fa più adulta e consapevole, senza però dimenticare il linguaggio e le caratteristiche proprie di noi trentenni.

Ed è di questo che spesso noi trentenni abbiamo bisogno: non solo di letture impegnate, ma anche di letture in cui riusciamo a riconoscerci, a immedesimarsi. Letture che ci facciano capire che i sentimenti, le emozioni, i dubbi che proviamo sono tipici della nostra generazione (e forse non solo…).

Un commento a parte sull’ultimo capitolo: l’ho letto e riletto mille volte. Mi piace da morire e ogni volta che lo rileggo ho sempre lo stesso pensiero che mi passa per la testa: mi piacerebbe riportarlo in scena. Sì.

Io faccio teatro da… ehm… una ventina d’anni… e quel pezzo mi piacerebbe da morire recitarlo.

Chi si offre per fare la parte di Lorenzo?!?! :-)

Annunci

5 thoughts on ““Il tempo che vorrei” di Fabio Volo ed. Mondadori

  1. io non ho dubbi: lo porterei in scena con Fabio Volo. Lo adoro!

  2. pensavi che non tornassi piu’ eehh?

    invece eccomi a fare nuove rime per te

    un abbraccio

  3. Vai Annina!!!! Allora faciamo una cosa…. Prova un po’ a pungolare la regista altrimenti qua non si combina più un cavolo di nulla!!!!!!
    Sono sicuro che a te ti dà retta! 😉

    Ciao bellina, un bacio.
    Nello

  4. @Sary80: beh, sì, non sarebbe affatto malaccio…
    @sangervasio: bentornato, mi fa piacere rileggerti. Un bacio.
    @Nello: sì, hai ragione, qui bisogna darsi una smossa. Ci provo io!

  5. Sono daccordo….pungoliamo l’ape regina!!!

    Un bacione
    Ire

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...