Ho il cancro. Il blog di una malata coccolata, viziata, amata, fortunata


2 commenti

Le arance della salute

ATTENZIONE, ATTENZIONE!!!

Sabato 31 gennaio, nelle principali piazze d’Italia, i volontari dell’AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) vi aspettano con le Arance della Salute.

Con un contributo di otto euro riceverete 3 kg di arance rosse della Sicilia (IGP) e un numero speciale del periodico Fondamentale dal titolo "La prevenzione in cucina", con tante indicazioni su uno stile di vita sano e una dieta varia e 10 ricette realizzate per AIRC da “La Cucina Italiana”, per preparare un gustoso e salutare menù anti-cancro.

Con questo piccolo contributo potrete dare un aiuto concreto alla ricerca sul cancro.

——–

Ovvio che fra i volontari dell’AIRC ci sono anch’io!!! Eh già, chi mi conosce bene sa che questa è una cosa in tipico Anna staccato Lisa style!!!

Per cui, l’importante è che compriate le arance (dove vi pare e quante ve ne pare!), se poi venite a comprarle da me… ne sarò felice!!!

Io sarò nella piazza principale della mia città sabato 31 gennaio dalle 15 alle 18 circa (leucociti, neutrofili, astenia permettendo…).Vi aspetto e… spargete la voceeeeee!!!

www.airc.it

www.arancedellasalute.it


8 commenti

Oggi, il giorno della svolta!!!

Ieri era domenica, il giorno rosso sul calendario, il dì di festa, il giorno in cui anche Lui riposò.

Ok, non importava dirlo, lo sapevamo. Io, invece, ieri mattina, quando me ne sono accorta (sì, lo so, son fuori di testa!) mi son meravigliata perché per me son stati sei giorni identici. Come se avessi passato sei mercoledì oppure tre martedì e tre mercoledì. Mixate voi a vostra scelta. Tutti giorni uguali, passati in casa, in pigiama, a leggere e dormire.

Ieri invece per molti era il giorno del riposo dopo una settimana di lavoro. Molti di voi avranno dormito fino a tardi dopo la "saturday night fever", alcuni saranno andati a Messa, altri a pranzo fuori. Quanti sono andati a sciare oppure a fare una passeggiata al mare, o magari in giro per negozi o all’outlet per accaparrarsi gli ultimi pezzi in saldo? Altri saranno andati allo stadio, magari al cinema, poi aperitivo o cena con gli amici. Altri avranno fatto del sano sesso, si saranno coccolati sul divano davanti ad un dvd. C’è chi è anche andato a ballare, a far casino con gli amici, in un pub, ad una festa o chissà dove. Avete fatto una passeggiata al sole? Bene. O magari qualche lavoretto domestico che rimandavate da tempo. Ah, ops, avete lavorato… ok, è normale, avrei dovuto farlo anch’io, per fortuna c’è ancora qualcuno che lavora la domenica…

Ecco, la cosa pazzesca è che io, ieri, non ho provato rabbia e invidia per tutti voi che potevate avere una domenica normale. No. L’unica cosa che io ieri veramente volevo era stare da sola, a letto, col mio inseparabile peluche, a leggere, scrivere, dormire, bere, fare plin-plin, dormire e dormire. Non ero incazzata, capite? Non ero invidiosa! Non ero rabbiosa! Desideravo quel tipo di giornata e quel tipo di giornata ho avuto.

Ecco, la conclusione è che è assurdo. Questo significa veramente NON RICONOSCERSI. Non è possibile che una agitata come me stia bene in quel modo, chiusa in casa (da una settimana peraltro!), senza vedere anima viva e senza fare nulla di nulla. No, quella non sono io, quella non è l’Anna staccato Lisa, quella è una "malatasololei", quella è una vittima della sua malattia e della sua stessa cura. No no no no no no no!!! Non ci siamo!

L’Anna staccato Lisa deve reagire, ora basta. Una settimana è ok, ma ora si riparte. Io voglio riconoscermi. Voglio essere IO. E oggi sarà il giorno della svolta. Deciso.


Lascia un commento

“The secret” di Rhonda Byrne ed. Macroedizioni

“Frammenti di un Grande Segreto sono stati trovati nelle tradizioni orali, in letteratura, nelle religioni e nelle filosofie. Per la prima volta tutti i tasselli del Segreto compaiono insieme in un’incredibile rivelazione che trasformerà la vita di tutti coloro che ne faranno l’esperienza.

In questo libro imparerete ad usare il Segreto in ogni ambito della vostra vita – denaro, salute, relazioni, felicità – e in ogni vostra interazione col mondo. Comincerete a capire il potere nascosto e ancora inutilizzato che si trova dentro di voi, e questa rivelazione potrà colmare di gioia ogni aspetto della vostra esistenza.

Il Segreto contiene la saggezza dei maestri del mondo moderno, uomini e donne che l’hanno usato per procurarsi ricchezza, salute e felicità. Mettendo in pratica la conoscenza del Segreto essi portano alla luce storie ammirevoli che riguardano la sconfitta della malattia, l’acquisizione di ingenti ricchezze, il superamento di ostacoli e il conseguimento di obiettivi da molti ritenuti irraggiungibili.”

 

Questo libro mi è stato regalato.

Quando l’ho ricevuto ero entusiasta, sia perché adoro leggere e adoro ricevere libri in regalo e sia perché avevo sentito tanto parlare di questo libro, di questo fantomatico “Segreto” ed ero proprio curiosa di scoprirlo!

Mah…

Vi dirò…

Il libro l’ho letto a fatica, tutti questi discorsi sulla “legge di attrazione” non mi hanno convinta affatto, anzi, a volte mi hanno un po’ sdubbiata. Mi sa troppo di americanata, di roba da settaroli o da fac-simile di Star Wars: “Che la forza sia con te!”.

Però voglio prendere del positivo anche da questa lettura e spero che quanto meno mi aiuti a… pensare positivo, a cercare di reagire, a trarre spunto dalle situazioni brutte per rialzarsi e migliorarsi… Uhm… Sì, va beh…


1 Commento

Sesto giorno.

Noto dei miglioramenti: mi scappa finalmente la cacca (anche perché ieri alla fine qualcosa ho mangiato!!!), i dolori muscolari se ne stanno andando (lasciando il posto a quelli ossei), riesco a stare sul divano e un po’ anche in piedi (ma a lavoro rientro mercoledì), ho voglia di vedere i miei amici e mi vergogno sempre meno dello stato in cui sono, l’astenia c’è, è presente, ma sempre meno…

E poi sono in "piùomenopausa", nel senso che le mestruazioni continunano ad essere presenti da più di un mese, però ho dalle 40 alle 50 vampate di calore il giorno (le famose "caldane"). Ganzo no? No, infatti, ve lo assicuro.


2 commenti

Urge violentarsi.

Sì, devo rispolverare il mio motto preferito "aiutati che Dio t’aiuta" e ricominciare a vivere normalmente. Mi devo sforzare.

Oggi è il quinto giorno di questo terzo ciclo di chemio maledetta e sono cinque giorni che non mi alzo dal letto, che non cammino, che non esco, che non lavoro, che non mangio e che non vedo anima viva (no, non è vero, c’è chi ha avuto il coraggio di venirmi a trovare nonostante le mie condizioni… poverini…). Il programma che mi ero fatta per ieri è quasi completamente saltato. A parte ungermi di creme e olio la testa e il corpo, a parte bere quei mille litri di acqua, il resto è tutto da rimettere in programma ad oggi.

Quindi, ricominciamo:

1) mangiare, mangiare e mangiare. Le gambe non mi reggono ed è inutile che prenda cortisone su cortisone se poi non butto niente nello stomaco;

2) alzarsi dal letto, anche solo per un po’ e vedere gente, amici, parenti e conoscenti, parlare, sforzarsi, sforzarsi e sforzarsi!

3) continuare a bere acqua e tisane, ad incremarsi, a fare gli sciacqui, come se fossi pagata;

4) prendere in sana considerazione l’idea di tornare a lavoro domani onde evitare un licenziamento.


7 commenti

Olio di mandorle, pappa reale, gel all'aloe, olio di argan… posso aprire un'erboristeria!

E’ tornata la versione "Anna staccato Lisa staccato pesce palla". Eh già, bel risveglio… Sono gonfia da far paura e pensare che bevo due litri d’acqua il giorno! Questo cavolo di cortisone mi aiuterà anche a sconfiggere vomito, nausea, mi aiuterà a rimettermi in piedi, mi farà venire appetito… ma porca miseria… un po’ più bellina non mi potrebbe far diventare?

Va beh…

Prepariamo i compiti del giorno:

1) bere più di due litri d’acqua;

2) provare a mangiare qualcosa di diverso da grana e schiacciata;

3) provare ad alzarsi dal letto (domani dovrei anche rientrare a lavoro…  ) e magari provare anche a far due passi per casa;

4) ricominciare a fare gli sciacqui in bocca col bicarbonato per prevenire le mucositi (ultimamente sono stata un po’ vagabonda);

5) darsi l’olio di mandorle dolci nel naso (lì le mucositi sono già arrivate…);

6) non guardarsi allo specchio;

7) prendere la pappa reale;

8) darsi il gel all’aloe in testa;

9) darsi la crema all’allantoina alle mani;

10) ungersi il corpo di olio di Argan (fra oggi e domani dovrebbe arrivarmi direttamente dal Marocco!!! WOW!);

11) rispondere alle mail, telefonate e sms che mi sono arrivati in questi giorni;

12) finire almeno uno dei 7 libri che ho sul comodino (tutti a metà…).

Poi vediamo se c’entra di far qualcos’altro…